LiveUs
Pulsar Music Space
CONCERTS
ARTISTS
LOCATIONS
MAKERS
NOVITA
ARTICLES
Mercoledý 30 Marzo 2011
Babylon, Egua, eSMEN, Super Crest Band, Tenebrae @ Villa Durazzo Bombrini
DATA: Sabato 26 Marzo 2011

Da quando ho imparato ad amare la musica, e credo sia successo a un giorno dalla mia nascita, ho avuto un forte desiderio... un forte desiderio che si è rafforzato sempre di più e che si è evoluto...

Io vivo in un quartiere di Genova che fino a 100 anni fa (anche meno) era una delle zone più IN di Genova, ma che un po' la crisi seguita alla prima guerra mondiale un po' la sciagura fascista e il secondo conflitto hanno fatto cadere fino al degrado più assoluto: ricordo negli anni '80 i giardinetti davanti alla scuola elementare pieni di siringhe, ricordo che Canale 5 fece una puntata di un programma noir proprio su Cornigliano, descrivendola come un Bronx in piena regola...
Così nella mia testa sentivo una vocina che diceva "bisogna fare qualcosa!" Fu allora che decisi di fare una ricerca sulla vecchia Cornigliano, e iniziai ad intervistare gli anziani, i vecchi negozianti: tutti mi descrissero una Cornigliano mai vista dai miei occhi, ma che piano piano iniziai a scoprire nel grigiore del fumo delle acciaierie. Il castello Raggio (purtroppo demolito dopo la seconda guerra mondiale), Villa Dufour, Villa Bombrini, Villa Carbone, etc... Proprio Villa Bombrini mi colpì: purtroppo pur distando da casa mia solo pochi metri era in parte coperta da un cavalcavia che permetteva ai comuni mortali di viaggiare e di far passar di sotto gli operai Ilva... In ogni caso quella villa che mi ricordava Versailles (ero un bimbo, sia chiaro: ma mi sembrava di veder da un momento all'altro uscir Lady Oscar...) mi piaceva tanto, e sapere che i Savoia la avessero utilizzata come residenza estiva, sapere che sia la prima villa costruita in stile "francese", sapere che sia la prima ad avere una scala autoportante (avere un padre edile fa apprezzar ste cose)... insomma davanti a casa mia c'è un tesoro e io credevo di non poterne avere nemmeno un po'.

Nel frattempo gli anni passano, Ludo cresce, la passione per la musica aumenta, inizia a cantare... diventa educatore... e inizia a creder che "una musica può fare" (Max Gazzè, sei un idolo!) e che attraverso la musica, oltre che comunicare, si possa anche valorizzare un territorio. Così appena avuta l'opportunità Ludovico ci prova: l'incontro con dei ragazzi sulle scalette della chiesa di San Giacomo diventa la scintilla. Ed è così che parte il progetto rock di Cornigliano: Ludovico con la collega Valeria sparge al voce tra i giovani e qualcuno si aggiunge, altri danno un supporto solo logistico... Creiamo canale youtube, myspace e tanta comunicazione su Facebook... cerchiamo musicisti corniglianesi, perché vogliamo dimostrare che Cornigliano non sia solo smog, negozi di cinesi e giardini fatiscenti. Iniziano le interviste alle band, band che ci aiutano a trovare altre band...
Il progetto viene presentato al municipio medio ponente che con entusiasmo decide di sostenere, per quanto possibile, l'evento. Con davvero pochi soldi si crea un evento unico in un luogo magico, simbolo della rinascita di un quartiere che non ha nulla da invidiare agli altri, popolato da persone che si sentono inferiori senza esserlo! ALZA LA TESTA, CORNIGLIANO!

Arriviamo così alla sera di Sabato 26 marzo 2011: il meteo è avverso, problemi tecnici rallentano la preparazione del palco, ma per fortuna la mia esperienza live mi ha fatto tener dei tempi belli larghi che si riveleranno il jolly che permetterà a tutti i gruppi di suonare il tempo previsto (solo i SuperCrest saranno costretti a tagliar 4 minuti)... bene si inizia!

Ore 20:30. Iniziano i SuperCrest che, a differenza di quando li abbiamo conosciuti, sfoggiano una nuova cantante e un chitarrista in meno. Con la loro ironia e pezzi easy dominano la scena, e tanti sono gli applausi meritatissimi per una band che sta facendo a pezzi gli avversari in vari contest in giro per la Liguria. Purtroppo, come detto prima, tagliano 4 minuti a causa dei ritardi palco...

Ore 21:11. Con un cambio palco rapidissimo salgono i Babylon, gruppo che non siamo riusciti ad intervistare, ma recupereremo di certo. La loro proposta è un misto tra pezzi loro e cover, tecnica ottima, attitudine rock. La band si diverte e il pubblico li segue alla grande, nonostante inizi a scendere un po' di pioggia!

Ore 22:00. In perfetto orario ecco i Tenebrae, il gruppo più duro della serata: infatti il pubblico è per metà cambiato, e ci son più metallozzi in giro... eheh! I Tenebrae propongono i pezzi del loro album "Memorie Nascoste", un concept album con dei tratti recitati, e sul palco si portano anche un attore che interagisce con il cantante. La pioggia rende ancora più teatrale il tutto... e il pubblico gradisce molto!

Ore 22:50. Tocca agli Esmen presentarci il loro disco che uscirà i primi di maggio: "Tutto è bene quel che finisce", ed infatti è tutto bene, tanto bene, che la pioggia finisce proprio dopo pochi pezzi del quintetto, che propone un rock maturo capace di prendere al primo ascolto. Tra il pubblico c'è molta gente che li conosce, e infatti qualcuno canta anche i pezzi...

E ora diamo i voti.

Location: 10 e lode. Il signor Durazzo nel '700 ha proprio chiamato un grande architetto francese... e si vede!
SuperCrest: 10. Esser i primi in questi eventi non è mai bello, ma dimostrano di esser la band giusta per scaldare il pubblico!
Babylon: 10. Giovani, con tiro, ottimo look... per non parlare della tecnica! Il futuro è in mano loro.
Tenebrae: 10. Li conosco da molto tempo, ma non li avevo mai visti con l'attore (voto 10 anche a lui). Il loro compito era difficile, erano l'unica realtà metal ed invece hanno conquistato anche chi non fosse vicino al genere.
Esmen: 10. Purtroppo la pioggia ha fatto fuggire un po' di pubblico, meriterebbero di più ma a Giove Pluvio non si comanda. Si esibiscono con il chitarrista di riserva per problemi familiari del chitarrista originale, che però arriva a sostener i propri compagni!
Pubblico: 10 e lode! Alla fine siete passati in molti (circa 250) e per un evento rock all'aperto a Marzo è tantissimo... se poi vogliamo considerare la pioggia, direi che siete MITICI!

Speriamo di rivederci presto!




Per lasciare un commento devi essere registrato o fare login.

Developer Zone / Credits / Terms
Creative Commons